Skip to content Skip to footer

MOBILITA’ DOCENTI 2022/2023 – LEGGE 104/1992 – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA ED EVENTUALE RICORSO AL GIUDICE DEL LAVORO

Lo studio legale dell’Avv. Giovanna Sarnacchiaro, con grande esperienza nel settore scolastico ed avendo già ottenuto numerose pronuce favorevoli, vista la necessità di far valere il diritto di precedenza per parenti ed affini entro il terzo grado ai sensi della legge 104/1992, ha predisposto di seguito le indicazioni da seguire in sede di compilazione della domanda di mobilità per evitare una serie di errori che precluderebbero la vittoria in sede giudiziaria:

  1. può proporre ricorso il docente referente unico del disabile parente ed affine entro il terzo grado (padre, madre, zio/a, nonno/a, suocera/o, fratello, sorella).
  2. occorre inserire la documentazione attestante la situazione di gravità ex art. 3 legge 104/1992;
  3. occorre attestare di essere referente unico del disabile (tranne in caso di convivente unico);
  4. occorre anche la certificazione rilasciata dalla scuola di servizio del docente attestante il rilascio dei permessi ex lege 104/1992;
  5. occorre inviare un’istanza cartacea integrativa al Ministero dell’Istruzione, all’USP di appartenenza e all’USP di destinazione entro il 15 marzo 2022;
  6. occorre inviare sia la domanda mediante il sistema istanze on line sia la domanda cartacea entro il 15 marzo 2022;
  7. in seguito alla notifica della e-mail in cui viene comunicato l’esito negativo della mobilità occorre inviare apposito reclamo nei 10 gg. successivi;
  8. attendere la pubblicazione dei bollettini e contattare immediatamente lo studio legale per la proposizione di un ricorso d’urgenza ex art. 700 c.p.c. al giudice del lavoro competente;

Coloro che necessitano di maggiori chiarimenti e supporto nella compilazione di tutta la documentazione necessaria possono rivolgersi allo studio legale allo 0818291318 ore 16/19 ovvero inviando una e-mail a info@avvocatogiovannasarnacchiaro.it oppure a studiolegalesarnacchiaro@gmail.com

Avv. Giovanna Sarnacchiaro

Leave a comment