MATERIE DELLO STUDIO

 Diritto Scolastico

img

Il Diritto scolastico è una branca del diritto che si occupa della normativa che regola l’istruzione scolastica e universitaria. Tale materia ad oggi non ha corsi universitari autonomi ma ha un suo relativo peso professionale. Sono tanti infatti i giuristi specializzati in questa materia che ha frontiere lavorative molto vaste che vanno dalla dirigenza all’amministrazione pubblica della scuola.

Perché approfondire questo campo? Perché il Diritto scolastico è il primo dei diritti che influenza la vita dell’uomo. Generazioni di studenti sono stati soggetti a questo diritto spesso manco conoscendo le norme che lo hanno posto.

Il Diritto scolastico è vivo e lo dimostra il fatto che nasce ben prima della costituzione della Repubblica e ancora oggi muta a tal punto che negli ultimi decenni è stato più di una volta innovato da Riforme, anche radicali, fino ad arrivare al Governo Renzi che agli inizi del 2015 ha attuato una nuova Riforma denominata “La Buona Scuola”.

Ciò ha portato all’instaurarsi di numerosi contenziosi, anche seriali, da parte del personale della scuola nei confronti del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Pubblicazioni Correlate

REITERAZIONE CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO E PROGRESSIONE STIPENDIALE: ACCOLTO IL RICORSO DAL GIUDICE DEL LAVORO

REITERAZIONE CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO E PROGRESSIONE STIPENDIALE: ACCOLTO IL RICORSO DAL GIUDICE DEL LAVORO

IL TRIBUNALE ORDINARIO DI FROSINONE ACCOGLIE IL RICORSO PROPOSTO DA UN ASSISTENTE TECNICO NEOIMMESSO IN RUOLO   Il ricorrente è stato assunto come personale ATA con una pluralità di contratti a tempo determinato dall’anno scolastico 2003/2004 ma la sua retribuzione è rimasta ferma al livello iniziale. La decisione si fonda sulla clausola 4 comma 1

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA DEL 26.11.2014: LA QUESTIONE DEI PRECARI DELLA SCUOLA

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA DEL 26.11.2014: LA QUESTIONE DEI PRECARI DELLA SCUOLA

Tutto nasce con l’emanazione della Direttiva 1999/70/CE che segna un punto importante: afferma  che il lavoro a tempo indeterminato è la normale forma di lavoro in Europa e che i contratti a tempo determinato reiterati, devono essere giustificati da “ragioni oggettive” e devono corrispondere ad una “mera esigenza temporanea” e non ad esigenze “permanenti” del