MATERIE DELLO STUDIO

 Diritto Allo Studio

img

L’analisi dell’art. 34 della Costituzione impone una preliminare indagine di tipo terminologico, volta a chiarire se esiste e qual è la differenza fra diritto all’istruzione e diritto allo studio.
La necessità di tale chiarimento si spiega in ragione del differente impiego, da parte degli studiosi, dell’una o dell’altra delle due espressioni. Parte consistente della dottrina preferisce la prima, ritenendola giuridicamente più corretta rispetto alla locuzione «diritto allo studio» (Mastropasqua, Pototschnig, Ruscello); altri autori, al contrario, pur non negando la maggiore correttezza formale e giuridica dell’espressione «diritto all’istruzione», reputano più opportuno parlare di «diritto allo studio»: tale formula sarebbe più moderna e meglio esprimerebbe la nuova fondamentale funzione dell’istruzione, che non è quella di trasmettere un bagaglio culturale già acquisito, bensì quella di garantire la promozione e lo sviluppo della personalità dello studente (Atripaldi, Bruno, Meloncelli).
Sicuramente interessante è poi l’orientamento di chi utilizza l’uno e l’altro dei due termini, attribuendo a ciascuno di essi un significato suo proprio (De Simone, Fancellu, Mazziotti Di Celso).
Per «diritto all’istruzione» s’intende quello all’istruzione inferiore, di cui sono titolari tutti gli alunni della scuola dell’obbligo.
L’espressione «diritto allo studio» indica, invece, il diritto di raggiungere i gradi più elevati degli studi, da riconoscersi non indistintamente in capo a tutti gli studenti, ma solo a quanti fra essi presentino specifici requisiti: capacità, merito, appartenenza a famiglie in condizioni economiche disagiate («privi di mezzi»); perciò si parla di diritto all’istruzione superiore.
Quest’ultimo orientamento merita attenzione non solo perché soddisfa quell’esigenza di chiarezza cui poc’anzi si accennava, ma soprattutto perché trova la sua giustificazione proprio nel disposto costituzionale in esame.
L’art. 34 Cost., infatti, dà fondamento al diritto all’istruzione nel suo secondo comma; il diritto allo studio si deduce, invece, dalla formulazione del comma successivo.

Pertanto, alla luce della nostra costituzione è illegittimo imporre il numero chiuso a determinati corsi di studi.

Pubblicazioni Correlate

La Corte di Appello di Firenze dichiara la abusiva reiterazione dei contratti a termine e condanna il MIUR al risarcimento del danno

La Corte di Appello di Firenze dichiara la abusiva reiterazione dei contratti a termine e condanna il MIUR al risarcimento del danno

Strepitosa pronuncia della Corte di Appello di Firenze, sezione lavoro, che in data 4 aprile 2017 con sentenza n. 413/2017 ha dichiarato la abusiva reiterazione dei contratti a termine di un docente precario ed ha condannato il ministero convenuto al risarcimento del danno nella misura di 8 mensilità, oltre interessi legali. La Corte di appello,

Il tribunale di Napoli accoglie il ricorso di un docente cancellato e ne ordina il reinserimento

Il tribunale di Napoli accoglie il ricorso di un docente cancellato e ne ordina il reinserimento

Il tribunale di Napoli, in funzione di giudice del lavoro, ha accolto il ricorso di un docente che era stato cancellato dalle graduatorie ad esaurimento per non aver aggiornato la domanda per il triennio 2011/2014. Il giudice dopo aver esposto in maniera dettagliata la fattispecie di diritto, ribadendo che esistono due orientamenti giurisprudenziali, ha ritenuto

Concorso docenti 2016 ammessi alle prove anche i docenti non abilitati

Concorso docenti 2016 ammessi alle prove anche i docenti non abilitati

Con due sentenze brevi ai sensi dell’art. 60 c.p.a. il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi di alcuni docenti tecnico pratici che potranno partecipare alle prove suppletive del concorso docenti 2016. Il presidente della sezione terza bis ha affermato che: “…per i docenti tecnico pratici non risulta ancora attivato almeno un corso ordinario di abilitazione”.